Teulada: recuperato in mare un ceppo d'ancora romana (fonte l'unione sarda)

Un ceppo in piombo di un’ancora romana è stato recuperato dai sommozzatori del diving center Chia Laguna insieme alla squadra della stazione navale della Guardia di finanza.

A scoprire, su un fondale di sabbia e posidonia il reperto risalente a duemila anni fa, sono stati i sub del centro d’immersione guidato dall’istruttore terza stella Cmas, Davide Morelli.

 

 

Il ritrovamento è avvenuto durante un’immersione davanti alla costa di Teulada.

Il ceppo era poggiato, e parzialmente affiorante dalla sabbia, a diciassette metri di profondità e solo l’occhio attento degli esperti sub, già protagonisti in passato di importanti rinvenimenti e recuperi eseguiti sempre in stretta collaborazione con gli archeologi della Soprintendenza, ha permesso capire che si trattava di un manufatto.

Dopo aver informato la Soprintendenza, Morelli e le Fiamme Gialle (l’operazione è stata coordinata direttamente dal colonnello Emilio Vitrone) hanno raggiunto ancora una volta la zona del rinvenimento de si sono immersi. Il ceppo d’ancora, del peso di circa 50 chili, è stato così recuperato.